CONCORSO CAV. OTTO BETZ – SECONDA EDIZIONE

Scritto da superadmin on . Postato in Docenti, Famiglie, News, Odontotecnici, Professionale, Studenti

Si comunica che, per gli studenti delle classi terza, quarta e quinta del Dipartimento di Odontotecnica, si terrà la seconda edizione del Concorso Cav. Otto Betz.

La Commissione giudicatrice, presieduta dal prof. Roberto Pagani e composta da una rappresentanza del Coordinamento delle Associazioni degli Odontotecnici F.V.G. e della Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dell’A.S.U.I.T. di Trieste, a fine maggio giudicherà le tre tipologie di produzioni laboratoriali che gli studenti avranno eseguito nel corso dell’anno scolastico.

Per ognuna delle tre classi la Ditta I. De Feslzegy premierà un allievo rispettivamente con 200 €, 300 €, e 500 €.

Maggiori informazioni qui.

Deroga Regolamento

GIORNO DEL RICORDO: LA CLASSE 4E SU RAI2

Scritto da superadmin on . Postato in Asse Linguaggi-Storico-Sociale, Docenti, Famiglie, News, Personale ATA, Studenti

Dieci studentesse e studenti della classe 4E hanno avuto la possibilità di partecipare ad una visita didattica avente la finalità di ridefinire analiticamente sul filo della memoria i tristi avvenimenti connessi alla giornata del Ricordo. L’Istituto Nautico intende ringraziare il sign. Alessandro Altin per l’importante guida in un percorso educativo storico e memorialistico basato sul Ricordo dell’Esodo imposto alle Genti Fiumane, Giuliane, Istriane e Dalmate a partire dal secondo conflitto mondiale per giungere a conclusione negli anni Cinquanta del Novecento e oltre. La scelta operata delle tappe ha opportunamente fatto riferimento al mai negletto metodo regressivo della Scuola Annales (Storia sociale e geografia umana). Si è proceduto quindi da fatti storici più recenti per regredire seguendo il filo della memoria emotiva, non prescindendo dalla cultura materiale (monumenti, interventi di protagonisti, oggetti poveri parlanti…); questo si rivela sempre un buon metodo di comunicazione divulgativa soprattutto nei confronti delle giovani generazioni.

Le tappe storico narrative hanno avuto il loro punto di partenza nella visita al Tempio Mariano di Monte Grisa: da un voto (1944-45) di monsignor Antonio Santin arcivescovo di Trieste e Capodistria e per volontà di papa Giovanni XXIII° l’edificazione di un tempio mariano nella cui Chiesa inferiore conserva gli altari sacri delle principali Località dell’esodo. Completamento nel 1965 e consacrazione 1966.

Quindi l’emozionante visita al Campo profughi di Padriciano: Museo dell’Esodo primi anni ’50, ambientazione e riferimento alla cultura materiale definita anche da interventi memoriali di protagonisti.

Successivamente si è visitata la Foiba di Basovizza: Monumento Nazionale (1943-45 Maggio titino a Trieste e ancora nei primi anni ’50 nella zona B del TLT previsto dall’articolo 21 del trattato di Parigi fra l’Italia e le potenze alleate del 1947).

La conclusione del percorso ha visto l’ultima tappa svolta in Croazia a Piemonte d’Istria e Località limitrofe: zona di confine tra la Jugoslavia titina, primo passaggio verso la zona B del TLT, per poi procedere nella zona A (Trieste) al fine di evitare le persecuzioni (commovente visita alle tombe che hanno raccolto le spoglie di Giovani Italiani catturati e massacrati dalle truppe titine 1943 – 54 e oltre).

“La breve cronistoria di una giornata a tema credo abbia creato e/o rafforzato la consapevolezza sia dei giovani, sia degli adulti”, conclude il prof. Braini che ha accompagnato le studentesse e gli studenti durante la visita didattica.


Trovate di seguito il link al servizio andato in onda durante il TG2 delle 20.30 del 09/02/2019:

http://www.tg2.rai.it

LABORATORIO DIS-ACQUA

Scritto da superadmin on . Postato in Docenti, Famiglie, News, Personale ATA, Studenti, Tecnico

Durante la settimana Classi Aperte, alcuni allievi del nostro Istituto sono stati impegnati nel laboratorio “DIS-ACQUA“.

Questo laboratorio ha permesso ai partecipanti di sperimentare delle situazioni di disabilità artificiale in ambiente acquatico. Tali attività hanno avuto lo scopo di aumentare la consapevolezza e la sensibilità dei ragazzi nei confronti della disabilità.

I ragazzi, all’interno della piscina, sono stati condotti in un percorso costituito da diverse stazioni, teoriche e pratiche.

Nelle stazioni pratiche sono state svolte attività in acqua a coppie e/o in gruppo, sotto la guida di istruttori del Circolo Sommozzatori Trieste, mentre nella stazione teorica si è dato spazio alla spiegazione della disabilità e al confronto tra le diverse esperienze vissute.

Con questo laboratorio i ragazzi hanno affrontato il tema della disabilità, sperimentando in prima persona sia una condizione di disabilità sensoriale o motoria sia il ruolo di accompagnatore.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se premi il pulsante OK, esprimi il consenso all'uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi